In the Name of Michelangelo

Un grazie di cuore ai 91 donatori che da diversi paesi
hanno contribuito alla nostra compagna (7 settembre - 30 ottobre 2017):
siamo vicinissimi a raggiungere l'obiettivo di €100,000.

Contribuisci anche tu a restaurare la tomba di Michelangelo
e la pala per l'altare della famiglia Buonarroti a Santa Croce.
DONA adesso!

Quando nel 1564 Michelangelo morì a Roma, alla veneranda età di 88 anni, le famiglie Medici e Buonarroti si prodigarono per riportarne il corpo a Firenze e rendere così onore a uno dei più grandi artisti di tutti i tempi. Ancora oggi la tomba, magnificamente scolpita e affrescata, è meta di visita per gli appassionati d’arte di tutto il mondo che desiderano rendere un tributo al grande maestro.

OGGI IL MONUMENTO HA BISOGNO DI RESTAURO
E PER QUESTO TI CHIEDIAMO UN contributo.







LA BASILICA

Santa Croce a Firenze racchiude in sé un’enciclopedia dell’arte italiana, dal XIII al XIX secolo. Nota come il Pantheon dei grandi della storia d’Italia, celebra e raccoglie le spoglie di artisti, scienziati e pensatori quali Galileo Galilei, Machiavelli e Michelangelo. Ogni anno quasi un milione di visitatori giunge da ogni parte del mondo per ammirarne i capolavori - opere sottoposte ad un costante monitoraggio per opportuni restauri.

Opera di Santa Croce

L’Opera di Santa Croce è un’organizzazione no-profit incaricata di gestire e tutelare il complesso monumentale della basilica di Santa Croce. È un compito che l’istituzione svolge fin dal XIV secolo e per il quale non riceve sovvenzionamenti pubblici. Ogni sua attività, in particolare i restauri, dipende dal contributo dei visitatori e dalle donazioni di privati cittadini, fondazioni e aziende che rivestono così un ruolo determinante nel trasmettere alle generazioni future un patrimonio artistico e culturale intatto: è per questo motivo che ti chiediamo di contribuire alla campagna per il restauro della tomba di Michelangelo e della pala per l’altare della famiglia Buonarroti.




LA TOMBA DI MICHELANGELO E LA PALA D’ALTARE



LA TOMBA

La tomba di Michelangelo è un monumento imponente che celebra tutte le arti maggiori e il cui progetto include l’altare della famiglia Buonarroti posto al suo fianco. È opera di Giorgio Vasari a cui fu commissionata dal duca Cosimo de’ Medici alla morte dell’artista, nel 1564. I lavori vennero ultimati nel 1578, il risultato finale è un insieme di affreschi e sculture in marmo che ritraggono Michelangelo, nel busto centrale, e le tre arti in cui eccelleva (scultura, architettura e pittura). Oltre all’artista, vi sono sepolti 66 membri della famiglia Buonarroti.

LA PALA D’ALTARE

La pala del Vasari rappresenta Cristo che per la via del Calvario incontra la Veronica. È recente la scoperta di un ritratto di Michelangelo che punta lo sguardo verso la propria tomba, a conferma del fatto che l’altare e la tomba sono parte dello stesso progetto. Il viso, come la maggior parte delle figure nel dipinto, è nascosto da secoli di sporcizia e da una vernice ormai ingiallita, che offusca l’originale vivacità dei colori e la drammaticità della scena. La superficie dell’opera subì ulteriori danni con la devastante alluvione che inondò Firenze nel 1966 causando crepe e bolle nella pittura. Oggi un’invasione di termiti nel supporto ligneo ha compromesso seriamente tutta la struttura e il restauro è più che mai urgente.

 

IL RESTAURO



L’Opera di Santa Croce assegnerà l’incarico di restauro, finalizzato alla pulizia e al consolidamento della pala d’altare, non più tardi del 1 novembre 2017. Lo scopo è di restituire leggibilità all’insieme, consentendo agli esperti studi più approfonditi e al pubblico di poterne ammirare la bellezza. È dunque indispensabile garantire al più presto la disponibilità dei fondi che questo tipo di intervento richiede. Necessità di attenzione anche la stessa tomba, la cui ultima pulizia risale a più di vent’anni fa. Sono ormai estremamente urgenti una ripulitura preventiva e un’indagine diagnostica, mirate a evitare interventi più pesanti in futuro.

Per portare a termine l’intero progetto abbiamo bisogno di €100.000 ($119.000) e ci auguriamo di raccogliere tutta la somma entro il 30 ottobre 2017. I lavori inizieranno in novembre per essere completati nel marzo 2018, in occasione dell’anniversario della nascita di Michelangelo.

ECCO COME PUOI DARE IL TUO CONTRIBUTO



SI ACCETTANO DONAZIONI DI QUALUNQUE IMPORTO

Riconoscimenti per tutti i donatori:

  • Iscrizione permanente nel Registro dei Donatori conservato nell’antico archivio di Santa Croce
  • Citazione sul sito internet dell’Opera di Santa Croce
  • Informazioni e aggiornamenti tramite la newsletter “Santa Croce Views”

CIRCOLI ESCLUSIVI

Puoi scegliere di appartenere a uno dei nostri circoli esclusivi di donatori, prendono il nome da personaggi straordinari legati alla storia del complesso monumentale di Santa Croce e corrispondono a diversi livelli di donazioni.

  • Circolo Vasari €4.400 ($5,000)
  • Circolo Giotto €8.800 ($10,000)
  • Circolo Michelangelo €18.000 ($20,000)

Riconoscimenti per tutti coloro che aderiscono a uno dei circoli:

  • Iscrizione su una targa che verrà posizionata davanti alla tomba di Michelangelo (per un periodo di due anni)
  • Invito a partecipare all’evento speciale “Nel nome di Michelangelo” che si terrà a marzo 2018
  • Possibilità di richiedere un tour “dietro le quinte” del complesso Monumentale di Santa Croce in occasione di visite a Firenze
  • Menzione nel testo che illustrerà il restauro e che verrà pubblicato a lavori ultimati
  • Copia della pubblicazione che verrà dedicata al restauro

Riconoscimenti per chi aderisce ai circoli Giotto e Michelangelo (in aggiunta a quanto elencato sopra):

  • Iscrizione in posizione prominente nello Spazio Donatori posizionato nel loggiato di ingresso al complesso monumentale di Santa Croce
  • Medaglia in bronzo commemorativa dell’evento (edizione speciale)

Riconoscimenti per chi aderisce al circolo Michelangelo, (in aggiunta a quanto elencato sopra):

  • Cena privata a Firenze ospiti del Direttore e dei membri del Consiglio d’Amministrazione dell’Opera di Santa Croce
  • Invito a visitare i cantieri dei futuri restauri intrapresi dall’Opera di Santa Croce per un incontro diretto con i conservatori
  • Invito a futuri eventi speciali legati all’attività dell’Opera di Santa Croce

 

 
HANNO GIÀ ADERITO

Domenico and Cristina Siniscalco

Italy
"Si possono passare ore in Santa Croce, toccando con la mente un grande passato di artisti, letterati, filosofi, politici e banchieri. Siamo felici di poter dare un piccolo contributo a Santa Croce, per il restauro della tomba dei Buonarroti, nel nome di Michelangelo. Se possiamo vedere più lontano, è perché stiamo sulle spalle di giganti.”

Colm Kelleher

Presidente, Morgan Stanley, New York, USA
"È per me un piacere sostenere l’Opera di Santa Croce nel suo impegno per il restauro della tomba di Michelangelo e della pala per l’altare della famiglia Buonarroti. Morgan Stanley sarà sponsor di una grande mostra che verrà allestita nel 2017 al Metropolitan Museum of Art di New York proprio su Michelangelo e il restauro del suo monumento commemorativo è un altro modo per celebrare il genio e lo spirito innovative di un uomo che continua ancora oggi a essere fonte d’ispirazione.”

Dr. and Mrs. Meryl H. Haber

Scottsdale, Arizona USA
"Perché amiamo Firenze da sempre e ogni volta che visitiamo la città non possiamo fare a meno di passare un po’ del nostro tempo in piazza Santa Croce.”


Sostenitori



€8,500 e oltre

Joan Cremin and Haig Tchamitch, USA
Morgan Stanley UK Limited, UK
Robert and Corinne Rooney, USA
David and Mary Schulte, USA
Domenico and Cristina Siniscalco, Italia

Da €4,000 a €8,499

Jim and Erin Essert, USA
Meryl and Jeanne Haber Charitable Fund, USA
Thomas Colm Kelleher, USA
Donna Malin, USA
Eugene McBurney Family Foundation, Canada
Grant Woods, USA

Da €800 a €3,999

Jim Chamberlain, USA
Pat and Jennifer DiCapo, Canada

Da €400 a €799

Andrew Galloway, UK
Barbara Gori, Italia
Kate Graham, USA
Tony and Anne Gully, USA
Diana Richman, USA
Richard Surface, UK

Da €85 a €399

Michele Bilodeau, USA
Kirby Chown, Canada
Charles and Monica Cochrane, USA
Sally Cornelison, USA
John e Carol Cowden, USA
Rosemary Espanol, USA
John and Anne Farrell, USA
Janet Feyler, USA
Alessandra Gaito, Italia
Stephanie Honrado, Filippine
Charles and Nadine Kahi, USA
Barbara Kaye
Sandy Chamberlain and David L. Kest, USA
James and Sharon Madura, USA
Carrie Mugridge, USA
Sean and Kellin Nelson, Italia
Doralynn Pines, USA
Bruce and Donna Polichar, USA
Clara Potes-Fellow, USA
Gary and Nancy Radke, USA
Elaine Ruffolo, Italia
Carolyn Rutigliano, USA
Jamie and Susan Tolmer, USA
Nancy Vaughan, USA
Claudyne Wilder, USA
Jane Zaloga, Italia
1 donatori anonimi

Da €10 a €84

Thomas Anderson, USA
William Bergenthal, Italia
Jennifer Cowden, Italia
Maureen Croce-Binder
Glenna Czachor
Antti Eilola, Finlandia
V Guanella Erion
Betsy Fenik, USA
Hannah Fritshner, USA
Laura Goldstein, USA
Teresa Esteban Gomez, Spagna
Rosemary Hill, USA
Elizabeth Hove, USA
Nigel Ip, UK
Thore Johansen, Norvegia
Pamela Klodzinski, USA
Jane Lamke, USA
Shirley Leong, Canada
Roberto Lucchetta, Italia
Tino Mehner, Germania
David Merrick, USA
Maren Michel, USA
Patricia Milliron, USA
Brian Morris, USA
Carol Ruth Nelson, USA
Philipp Neuman, Germania
Joanne Ochej, Canada
Carole Osman, USA
Mary Padgett, USA
Hitesh Patel, UK
Anne Proctor, USA
Terese Sarno, USA
Karen Serles, Canada
Heather Spiva, USA
Eugene Stucky, USA
Gail Tait, Australia
Allie Terry-Fritsch, USA
Katherine Thichava, USA
Kati Thielitz, Germania
Giuseppe Tudisco, Italia
Josephine Vaccaro, USA
Vlatko and Olgica Vojnovic, USA
Lindsey Wainwright, USA
3 anonimi


Hanno gentilmente offerto il loro contributo professionale:

Peter Becker
Caterina Chimenti
Sally Cornelison
Jennifer Cowden
Carol Glatz
Anthony Lacy Gully
The Florentine news magazine
Instagramers Firenze
Georgette Jupe
Guild of the Dome

Elizabeth Lev
Clara Marinelli
Kathy McCabe
Philipp Neuman
Nardia Plumridge
Elaine Ruffolo
Jose Villarreal