Sotterranei - la parte più antica del Complesso monumentale di Santa Croce

Il lunghissimo ambiente che si estende sotto il transetto di Santa Croce (detto cripta) costituisce le fondamenta della chiesa e fu la prima parte a essere edificata a partire dal 1294.

Questo e gli altri vasti spazi sotterranei sono stati utilizzati sia per accogliere le numerosissime sepolture che per ospitare le 17 confraternite che vi ebbero sede nel corso dei secoli.

Cripta A seguito delle soppressioni delle compagnie religiose decretate dal granduca Pietro Leopoldo nel 1785 e a causa dei danni provocati dall'alluvione del 1844, i sotterranei divennero deposito di materiali di scarto.

Negli anni Trenta del Novecento, in considerazione del degrado e della necessità del risanamento di questa parte del Complesso, ma anche per legittimare il Fascismo con l'assegnazione di un posto nel Pantheon nazionale, fu proposto di utilizzare quegli spazi per onorare la memorai dei "Caduti per l'idea fascista".

Gli interventi per la trasformazione in Sacrario vennero affidati nel 1934 ad Alfredo Lensi, capo dell'Ufficio Belle Arti del Comune. Si scrisse allora: "Nessun luogo è più mistico e più suggestivo di questo, già sacro ai fiorentini per le tombe delle loro più antiche e nobili famiglie, come dimostrano i molti stemmi che ancora adornano queste pareti". 

Parte centrale della Cripta Nell’ambulacro sotto il transetto e nella parte centrale sotto la Cappella maggiore furono collocate 37 grandi arche in pietra serena destinate ad accogliere le spoglie dei "Caduti per l'idea fascista".

Sulle pareti ricorreva la scritta "Presente", un saluto in risposta all'appello del nome del defunto che era stato codificato da tempo divenendo il rito fascista per eccellenza, perchè da riti di morte i funerali si trasformavano in riti di vita.

Gli interventi furono condotti con tanta celerità che la solenne traslazione delle salme e l'inaugurazione del nuovo Sacrario potè aver luogo il 27 ottobre 1934, dodicesimo anniversario della marcia su Roma.

Famedio I lavori di rinnovamento dei sotterranei proseguirono e l'ampio vano sotto la sagrestia fu scelto per ricordare i soldati fiorentini caduti nel corso della prima guerra mondiale.

Il Famedio - cioè tempio funerario situato all'interno di un cimitero e dedicato alla memoria di personaggi illustri - venne trasformato sotto la direzione di Alfredo Lensi, secondo un progetto datato 14 dicembre 1934.

Le pareti furono rivestite di lastre di marmo nero su cui vennero incisi i nomi dei 3672 fiorentini caduti nel primo conflitto mondiale, disposti in ordine alfabetico e con l'indicazione del grado militare.


Lastre in memoria dei caduti Sulla parete di fondo, dietro l'altare, fu applicata un'iscrizione dedicatoria dettata dal critico Ugo Ojetti.

Nella ricorrenza del 4 novembre 1937 - diciannovesimo anniversario della vittoria nella prima guerra mondiale - il Famedio venne inaugurato da Vittorio Emanuele III

L’anno successivo, anche in previsione della visita di Hitler a Firenze, fu realizzato nei sotterranei il Sacrario dei caduti per l'Impero (cioè in Africa) e dei Legionari caduti in Spagna.