Scopri Santa Croce

Il complesso monumentale di Santa Croce è uno dei siti più amati da chi sceglie di visitare Firenze. È un luogo unico, di straordinaria sintesi tra arte, spiritualità e memoria. Qui si può provare la singolare emozione di incontri indimenticabili: con Francesco d’Assisi e Giotto, protagonisti di una vera rivoluzione spirituale e artistica, con Donatello e Brunelleschi, punti di riferimento del Rinascimento, con i Grandi - Michelangelo, Galileo, Machiavelli, Alfieri, Rossini e Foscolo - che con le loro tombe monumentali vengono affidati alla memoria collettiva.


I luoghi

Il complesso monumentale di Santa Croce è un insieme armonioso di architetture distinte, in equilibrato dialogo tra loro: la basilica, la sagrestia con la cappella Medici, il Museo, la Cripta con il Famedio, la cappella Pazzi che con il Cenacolo si affaccia nel chiostro grande e il chiostro del Brunelleschi. L’insieme è andato consolidandosi con il tempo. La basilica in particolare, la cui edificazione ebbe inizio nel 1295 su progetto di Arnolfo di Cambio, ha conosciuto numerose trasformazioni (la più rilevante è quella Cinquecentesca del Vasari).


I Capolavori

Il complesso monumentale è uno scrigno di bellezza che raccoglie oltre quattromila preziose opere d’arte, testimonianza del genio di artisti che, a partire dal Duecento, qui hanno realizzato capolavori universali. L’elenco, non esaustivo, attraversa uno spazio temporale che arriva fino al Novecento: Cimabue, Giotto, Taddeo e Agnolo Gaddi, Orcagna, Donatello, Rossellino, Brunelleschi, Bronzino, Vasari, Canova, Bartolini, Moore.  


Educazione

L'Opera di Santa Croce propone numerose attività per far conoscere il suo patrimonio. Guide professioniste e mediatori culturali accompagnano alla scoperta dei capolavori del complesso monumentale e dei suoi spazi più insoliti. Particolare l’attenzione per i giovani: alle scuole di ogni ordine e grado vengono offerte molteplici opportunità per le visite di istruzione, mentre per i più piccoli possono essere organizzati laboratori specifici, come quello dedicato all’araldica con la creazione di un personalissimo stemma.