Vai al contenuto principaleVai al footer
Interno della basilica. Firenze, Santa Croce

Fra sepolcri e memorie

Gli spazi sacri di chiese, conventi e confraternite per secoli hanno accolto i corpi dei defunti e le loro sepolture, volute per tramandarne il ricordo ai posteri: una vocazione alla memoria che ha sempre contraddistinto Santa Croce.

Tombe pavimentali

Inizialmente furono tombe pavimentali – tipologia ricordata per contrappasso da Dante nella cornice dei superbi (Purgatorio, XII, 16-19) – riservate ai Francescani che rivestivano un ruolo nell’Ordine, ai membri delle più potenti famiglie del quartiere e ai grandi condottieri. Così Biordo degli Ubertini (morto nel 1348) è ricordato da una lapide con il defunto in armatura incorniciato da un tabernacolo di gusto gotico. 

“Lastra tombale di Biordo degli Ubertini”, 1365-70, marmo. Firenze, Santa Croce, transetto destro

Lastra tombale di Biordo degli Ubertini, 1365-70. Basilica di Santa Croce, transetto destro

Primo esempio rinascimentale è la Lastra tombale di Bartolomeo Valori (morto nel 1427) di Lorenzo Ghiberti, modello per numerose altre: la rappresentazione si fa più realistica con l’eliminazione del tabernacolo e considerando la destinazione terragna dell’opera. L’uso di questo tipo di sepolture è perdurato nei secoli, come attesta la Lastra tombale di Emilia Toscanelli Peruzzi (morta nel 1910), di sapore Liberty.

Lorenzo Ghiberti, “Lastra tombale di Bartolomeo Valori”, 1427, marmo. Firenze, Santa Croce, transetto sinistro

Lorenzo Ghiberti, Lastra tombale di Bartolomeo Valori, 1427. Basilica di Santa Croce, transetto sinistro

Trecento e nuove tombe monumentali

Con il Trecento si fa strada anche una nuova tipologia di monumento funebre composto da un’arca e da altri elementi scultorei: in chiesa ne sono tra l’altro esempio il Monumento Baroncelli di Giovanni di Balduccio del 1328-1330 circa e la Tomba di Gualterotto de’ Bardi attribuita ad Agnolo di Ventura (1337 circa). Le due sepolture della cappella Bardi di Mangona (1337-1341) sono le uniche a unire scultura e pittura.

Interno della cappella Bardi di Mangona. Firenze, Santa Croce, transetto sinistro

Il Monumento Baroncelli  e la Tomba di Gualterotto de’ Bardi. Basilica di Santa Croce, transetto sinistro, cappella Bardi di Mangona

Rinascimento

Il rinnovamento in senso rinascimentale delle tombe a parete avviene con il Monumento a Leonardo Bruni di Bernardo Rossellino (1446-1450 circa) che ne rappresenta il prototipo ed è fonte diretta per il Monumento a Carlo Marsuppini di Desiderio da Settignano (1454-1459). 

Desiderio da Settignano, “Tomba monumentale di Carlo Marsuppini”, 1454-1459, marmo e affresco. Firenze, Santa Croce, navata sinistra
Desiderio da Settignano, Tomba monumentale di Carlo Marsuppini, 1454-1459
Vai alla scheda

Custode delle glorie fiorentine

L’essere state queste memorie di due Segretari della Repubblica innalzate per volontà pubblica, attesta il passaggio di Santa Croce a custodia delle glorie fiorentine, una tradizione che si perpetua con i Monumenti a Michelangelo, Galileo, Machiavelli. Foscolo, nei Sepolcri del 1807, a motivo delle memorie che conserva, addita la chiesa come luogo da consacrare ai grandi, dalle cui virtù si deve trarre ispirazione, e in Santa Croce (anche se solo dal 1938), gli è stato dedicato un monumento.

Antonio Berti, “Tomba monumentale di Ugo Foscolo”, particolare, 1935-1937, inaugurato 1939, marmo. Firenze, Santa Croce, navata destra
Antonio Berti, Tomba monumentale di Ugo Foscolo, 1935-1937
Vai alla scheda

Pantheon degli Italiani

La chiesa si trasforma così da Pantheon cittadino a Pantheon degli italiani, ed è il Monumento a Vittorio Alfieri di Canova, ultimato nel 1810, a segnare l’inizio di una concezione in senso foscoliano del complesso. Seguono il Cenotafio di Dante Alighieri (le cui spoglie sono a Ravenna), eretto tra 1819 e 1829, perché si volle celebrare il poeta, dato l’alto valore civile acquisito da Santa Croce.

Stefano Ricci, “Cenotafio di Dante Alighieri”, 1818-1829, marmo. Firenze, Santa Croce, navata destra
Stefano Ricci, Cenotafio di Dante Alighieri, 1818-1829
Vai alla scheda

Dall’inizio dell’Ottocento Firenze fu molto frequentata da stranieri, soprattutto francesi, polacchi, russi e inglesi, e alcuni vollero essere sepolti in chiesa e nel Chiostro dei morti: poiché non celebrano “itale glorie”, sono memorie che privilegiano la rappresentazione dell’aspetto intimo e privato del dolore. Il Monumento a Michal Bogoria Skotnicki (1815, di Stefano Ricci), polacco, è il primo che nella chiesa sia stato dedicato a un forestiero, e polacca è anche la contessa Zofia z Czartoryskich Zamoyska, immortalata nel suo letto di sofferenza da Lorenzo Bartolini nel 1837-1844. Tra i francesi rimasti a Firenze dopo la Restaurazione, venne inumata in Santa Croce la napoleonide Julie Clary Bonaparte (1845, monumento di Luigi Pampaloni). Francesi sia la giovane defunta Louise de Favreau, sia l’eccentrica scultrice Félicie de Fauveau, che ce ne ha tramandato il ricordo nella tomba (1854) ora nel loggiato Sud. In chiesa è conservato anche il Monumento a Luisa Stolberg , contessa d’Albany (1830), compagna di Vittorio Alfieri per il quale aveva voluto il capolavoro di Canova.

Felicie de Fauveau, "Tomba monumentale di Louise de Favreau", particolare, 1854, marmo. Firenze, Santa Croce, primo chiostro, loggiato superiore

Félicie de Fauveau, Tomba monumentale di Louise de Favreau, particolare, 1854. Primo chiostro, loggiato superiore

Musicisti

Il Monumento a Luigi Cherubini (un cenotafio del 1869 di Odoardo Fantacchiotti) ricorda come anche la Musica sia presente nel percorso cimiteriale di Santa Croce: lo rammentano, tra gli altri, il Monumento a Virginia De Blasis, giovanissima cantante morta nel 1838, opera di Luigi Pampaloni e il Monumento a Gioachino Rossini di Giuseppe Cassioli (1900-1902)

Odoardo Fantacchiotti, "Monumento a Luigi Cherubini", 1869, marmo. Firenze, Santa Croce, transetto sinistro

Odoardo Fantacchiotti, Monumento a Luigi Cherubini, 1869. Basilica di Santa Croce, transetto sinistro

Tra Otto e Novecento

Sono innumerevoli le personalità che tra Otto e primo Novecento hanno conquistato una memoria o un monumento nel complesso, ma poche sono state le donne, e tra esse Florence Nightingale.

Francis William Sargant, “Monumento a Florence Nightingale”, 1913, marmo e pietra serena. Firenze, Santa Croce, primo chiostro
Francis William Sargant, Monumento a Florence Nightingale , 1913
Vai alla scheda

La prassi di apporre memorie di italiani illustri è proseguita nel dopoguerra con Enrico Fermi commemorato da un medaglione in bronzo di Corrado Cagli (del 1968), apposto nel 1995 nella navata sinistra per celebrare il grande fisico. 

Corrado Cagli, “Memoria di Enrico Fermi”, 1968, bronzo. Firenze, Santa Croce, navata sinistra

Corrado Cagli, Memoria di Enrico Fermi, 1968. Basilica di Santa Croce, navata sinistra

Fascismo e memoria delle guerre mondiali

Negli anni Trenta del XX secolo, per legittimare il Fascismo con una presenza incisiva nel Pantheon nazionale, gli spazi sotterranei del complesso accolsero il “Sacrario dei caduti per la rivoluzione fascista” (rimosso negli anni Cinquanta) e il “Sacrario dei Soldati” morti nella Prima guerra mondiale. 

Approfondimenti

Scopri i monumenti del Trecento nelle cappelle